Vai al Contenuto

IPZS | Soluzioni

CNAC
(coin national analysis center)

Le banconote e le monete metalliche in Euro vengono realizzate con caratteristiche di sicurezza molto sofisticate ed evolute. Ciò nonostante, l'Europa ha investito e continua ad investire molto per garantire al cittadino la massima tutela e contrastare il fenomeno della contraffazione.

Per quanto riguarda le monete metalliche la normativa europea (Reg. UE 1338/2001) prevede la costituzione di un Coin National Analysis Centre in ciascun paese membro.

In Italia, il C.N.A.C. (acronimo inglese di centro nazionale di analisi delle monete), viene costituito nel 2001 presso la Zecca, l'officina monetaria Italiana produttrice per l'Europa delle monete in Euro per l'Italia, San Marino e lo Stato della Città del Vaticano e rappresenta l'autorità nazionale competente preposta all'analisi dei falsi rinvenuti all'interno del territorio italiano, vaticano e sanmarinese.

Al C.N.A.C. è conferito il compito di effettuare perizie su tutte le monete metalliche sospette di falsità rinvenute in circolazione dai cosiddetti gestori professionali del contante (banche, poste, soggetti che svolgono attività di custodia, trasporto e trattamento del denaro, ecc) o dalle forze di Polizia. Ma il lavoro si spinge oltre l'analisi del singolo caso: vengono studiate e catalogate le caratteristiche di ogni genere di falsificazione, contribuendo ad arricchire un archivio di informazioni utilissime alle Forze dell'Ordine che si occupano di contrastare il fenomeno sul campo ai fini dello smantellamento delle Zecche clandestine.

Con la legge n. 27 del 24/03/2012 art. 97 (pubblicata in GU n. 71 del 24/03/2012) al C.N.A.C. sono stati attribuiti ulteriori compiti e funzioni derivanti dall'applicazione del Regolamento UE 1210/2010 che introduce il concetto di autenticazione del circolante metallico da parte dei gestori professionali del contante. In base alle nuove disposizioni, il C.N.A.C., pur continuando a svolgere l'attività di raccolta e analisi delle monete non adatte alla circolazione, è incaricato ad effettuare test sulle apparecchiature che vengono utilizzate per il trattamento delle monete metalliche in euro (su richiesta delle case costruttrici), a formare il personale coinvolto nel processo di autenticazione manuale e ad effettuare i controlli annuali ai gestori del contante (visite ispettive).